MENU

Piero della Francesca: le origini ad Arezzo e il suo inestimabile contributo al Rinascimento

Piero della Francesca, nato tra il 1406 e il 1416 a Sansepolcro, vicino ad Arezzo, è stato una figura chiave del Rinascimento, distinguendosi sia come artista che come matematico. La sua formazione artistica, influenzata da incontri e collaborazioni a Borgo Sansepolcro e Firenze, lo ha visto apprendere da maestri come Domenico Veneziano e Masaccio, raffinando la sua maestria nella pittura luminosa e nell'uso di colori chiari.
San Francesco - St. Frances

Ah, Arezzo, con le sue mura antiche e i suoi vicoli stretti! Non pensate anche voi che ci sia un qualcosa di magico nelle sue strade? Oggi, vi porteremo indietro nel tempo, in un viaggio attraverso l’arte e la storia, dove il Rinascimento e il genio di un certo Piero della Francesca sono protagonisti. Ma chi era veramente questo Piero della Francesca? E perché dovremmo saperne di più? Allora, sedetevi comodi e preparatevi per un affascinante viaggio nel tempo.

Le origini di Piero della Francesca

Figlio di un mercante di tessuti e di una nobildonna di famiglia umbra, Piero della Francesca nacque a Borgo Sansepolcro, noto oggi come Sansepolcro, tra il 1406 e il 1416. Nonostante le radici del suo paese natale, la vicinanza ad Arezzo, una città di confine culturale, permise a Piero di assorbire influenze fiorentine, senesi e umbre durante la sua formazione.

Formazione e prime collaborazioni

È probabile che la sua formazione artistica sia iniziata proprio a Borgo Sansepolcro, in un contesto culturale altamente stimolante. Emerge chiaramente l’importanza della sua collaborazione iniziale con Antonio di Anghiari, un pittore locale, con cui lavorò a diverse commissioni tra cui la pittura di stendardi e bandiere. Ma è il suo soggiorno a Firenze che si rivela fondamentale per il suo percorso artistico.

Il periodo fiorentino

A Firenze, Piero collabora con Domenico Veneziano, da cui apprende la pittura luminosa e l’uso dei colori chiari e vivaci. La modernità e il vigore di Masaccio, un altro artista di rilievo del tempo, esercitarono anch’essi una forte influenza su Piero, contribuendo a definire alcune delle caratteristiche fondamentali della sua arte.

Piero della Francesca: l’artista e il matematico

Dunque, chi era Piero della Francesca? Era un artista, certo, ma anche un matematico. La sua arte, infatti, è una perfetta fusione di queste due discipline, con una attenzione particolare per la prospettiva geometrica e la monumentalità delle figure. La sua opera artistica, caratterizzata da un estremo rigore nella ricerca prospettica e dalla monumentalità plastica delle figure, ha lasciato un segno indelebile nel Rinascimento italiano.

La perdita delle sue opere

In definitiva, gran parte dell’opera di Piero della Francesca è andata perduta o ci è pervenuta in maniera frammentaria, compresi i preziosi affreschi nel Palazzo Apostolico, sostituiti nel XVI secolo dalle Stanze di Raffaello. Nonostante ciò, il suo contributo all’arte e alla cultura del Rinascimento rimane ineguagliabile.

Piero della Francesca: un genio eclettico

Quindi, Piero della Francesca non era solo un artista, ma un vero e proprio genio del Rinascimento, capace di fondere arte e matematica nelle sue opere. Le sue origini aretine e la sua formazione tra Sansepolcro e Firenze hanno sicuramente contribuito a plasmare il suo stile unico, che ancora oggi continua ad affascinarci. Con Piero della Francesca, l’arte del Rinascimento ha raggiunto nuove vette, trasformando per sempre il nostro modo di vedere e di interpretare il mondo.

Comfort Contemporaneo, avvolto nel fascino della storia

Prenota direttamente su questo sito web, alle migliori tariffe online