MENU

Il Crocifisso di Cimabue custodito nella Basilica di San Domenico

Crocifisso di Cimabue - Cimabue's Crucifix

La Basilica di San Domenico ad Arezzo, fondata nel 1275, è un magnifico esempio di architettura gotica italiana. Con la sua austera facciata in mattoni e il maestoso campanile, la basilica presenta un interno caratterizzato da ampie navate e splendide vetrate che creano un’atmosfera contemplativa. Custodisce il celebre Crocifisso di Cimabue, una croce dipinta a tempera e oro su tavola, realizzata tra il 1268 e il 1271. Cimabue, pioniere dell’arte medievale, ha introdotto un maggiore espressionismo e naturalismo, rompendo con le convenzioni bizantine. Il Crocifisso, con il suo Cristo arcuato e sofferente, rappresenta una svolta stilistica. Restaurato nel 1917 e nel 2005, l’opera riflette influenze di artisti come Giunta Pisano. Il Crocifisso è ricco di simbolismo teologico, e oggi può essere ammirato dai visitatori della Basilica di San Domenico, che offre un’esperienza artistica e spirituale indimenticabile.

Comfort Contemporaneo, avvolto nel fascino della storia

Prenota direttamente su questo sito web, alle migliori tariffe online